La IP-Cam Yoosee wifi con Ivideon

Attratto dal prezzo abbordabile ho deciso di provare una di quelle telecamere di sorveglianza che si collegano alla rete attraverso la wi-fi, in modo da poterla spostare facilemente da una stanza all’altra per tenere meglio sott’occhio la piccola Sara.

La Cam è prodotta da Yoosee e con l’applicazione scaricata grazie al QR-Code sulla scatola funziona a meraviglia, rendendola subito accessibile dall’esterno nonostante la mia rete casalinga abbia un IP privato (un NAT di Fastweb).

Però.

Avevo provato un’applicazione una bella applicazione chiamata Ivideon collegandoci la webcam del mio PC e mi era piaciuta molto, così visto che è in grado di gestire anche IP-CAM ho iniziato a cercare di configurarla ma niente da fare, se non si forniscono tutti i parametri necessari raggiungerla è impossibile.

Dopo decine di tentativi sono finalmente riuscito a risalire all’informazione base, quindi per aggiungerla la mia YOOSEE a IVIDEON ho cliccato su “Aggiungere dispositivo”, scelto la prima opzione “Aggiungi telecamera IP” e nella tabella “Generale” alla voce “Produttore” ho scelto “Altro produttore”.

Più in basso, nella spazio di rete alla voce URL cliccando all’estrema destra sul menu a discesa e scegliendo “Modifica URL” ho inserito questa stringa:

rtsp://XXX.XXX.X.XX:554/onvif1
e nella casella IP: XXX.XXX.X.XX

avendo cura di sostituire la serie di X con l’indirizzo IP della camera facilmente recuperabile con altri programmi, come ad esempio ONVIF Device Manager.

L’indirizzo potrebbe essere qualcosa tipo: 192.168.1.2, chiudete la finestra di configurazione, et voilà eccola inserita e funzionante all’interno di IVIDEON.

Se avete difficoltà e volete fare qualche prova più rapida, aprite VLC e nel menù Media lanciate “Apri flusso di rete” e come URL di rete inserite l’indirizzo e cliccate sul tasto RIPRODUCI, se tutto è corretto nella finestra vedrete le immagini che sta riprendendo la vostra IP-Cam Yoosee.

Così è andata con la mia JT-110BW-2A pagata circa 20 euro e che per ora si sta comportando a modino.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *