La reinfezione da Covid-19

Antonino Mazzone, direttore del Dipartimento di Area Media ASST Ovest Milanese, ha inviato una lettera a “Quotidiano sanità” in cui sintetizzando un articolo pubblicato il 28 maggio 2021 sulla prestigiosa JAMA Internal Medicine, dice:

“I nostri risultati confermano che le reinfezioni sono eventi davvero rari. Il nostro studio suggerisce che la naturale immunità a SARS-CoV-2 potrebbe conferire un effetto protettivo per almeno un anno, che è simile alla protezione riportata nei recenti studi sui vaccini.”

I ricercatori italiani hanno verificato che l’incidenza di reinfezione da Sars-Cov-2 è pari a 1 caso ogni 100.000 persone guarite dalla malattia.

Per accertarsi che la guarigione fosse effettivamente avvenuta, hanno preso in considerazione i casi di reinfezione verificatisi dopo 90 giorni dalla guarigione e con almeno due risultati negativi ai test.

Naturalmente nessuno sa quanto duri l’immunità né se sia efficace nei confronti delle varianti (successivi studi effettuati in Israele hanno detto invece che l’efficacia è superiore a quella generata da vaccinazione e di spettro più ampio verso le varianti) per questa ragione Mazzone invita a non cantare prematuramente vittoria:

“Prima di presumere che le persone con infezioni documentate da SARS-CoV-2, sia mediante test diagnostici della reazione a catena della polimerasi o presenza di anticorpi, siano protette contro future infezioni, ci sono 2 avvertimenti.  Primo, non sappiamo quanto dura l’immunità naturale. In secondo luogo, non sappiamo se l’immunità naturale al virus wild-type sia ugualmente protettiva per le varianti SARS-CoV-2.”

E ha poi aggiunto:

“Sarebbe  di grande utilità eseguire il dosaggio degli anticorpi prima di fare il vaccino e, magari, non somministrarlo a chi già li ha. In questo modo si risparmierebbero moltissime dosi di vaccino ed anche potenziali danni a chi, con già gli anticorpi, dopo il vaccino potrebbe sviluppare una reazione.”

Ma su questo fronte i pareri sono contrastanti.

Covid-19, studio italiano conferma che la reinfezioni sono rare



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *