Galli, sui no-vax che non lo sono

Attribuire etichette a chi a vario titolo è avversario delle nostre idee, è un modo per delegittimarne i contenuti.

Lo scontro tra favorevoli e contrari al vaccino contro il Covid è abbastanza feroce e il termine no-vax viene elargito con leggerezza a chiunque metta in dubbio metodi e provvedimenti riguardanti questa politica di prevenzione.

Abbiamo indicato come pericoloso no-vax il signor Massimo Cacciari che pur vaccinato solleva dubbi costituzionali e di diritto sulle politiche di green-pass, è no-vax  Stefano Puzzer che, vaccinato, contesta il certificato verde per andare a lavorare.

Attribuire a queste persone l’etichetta di “no-vax” equivale a  sminuirne a priori i contenuti di qualunque messaggio.

Per fortuna non è sempre così: l’infettivologo Massimo Galli, alcune settimane fa ha messo in guardia su questa pratica dicendo: “Stiamo trasformando in no-vax persone che probabilmente hanno una limitatissima necessità di essere vaccinate.”

Ospite del programma “L’aria che tira” ha evidenziato che tra chi non ha ricevuto il vaccino ci sono molte persone guarite dalla malattia che hanno già sviluppato una propria forma di immunità, si tratta di 4,6 milioni di persone “verso le quali la politica di vaccinazione dovrebbe essere diversa. E non è detto che per loro le vaccinazioni siano sempre un vantaggio”.

Galli ha poi aggiunto che alcune nazioni in Europa già prevedono la concessione del green pass a fronte di una verifica della presenza di anticorpi ritenendo indigesto che non si possa misurare gratuitamente il livello di anticorpi di chi è guarito dalla malattia.

Considerando che dei 4,6 milioni di guariti 1,5 milioni si è comunque vaccinato, restano 3 milioni di persone verosimilmente immuni pur senza vaccinazione, una circostanza che fa scendere a 4 milioni il numero di non vaccinati portando forse oltre il 90% la percentuale  italiana di immunizzati.

 

Galli: “No vax? Molti sono guariti da Covid”
su AdnKronos



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *