Annullato l’annullamento

Il tema della “Vigilante attesa” si arricchisce di un nuovo entusiasmante capitolo perché il Ministero della Sanità ha chiesto l’intervento del Consiglio di Stato che ha annullato la sentenza del TAR del Lazio che annullava quella parte delle circolari ministeriali ritenendole colpevoli di sottrarre ai medici il loro compito primario.

Quindi: quando chiedi qualcosa hai risposta in mesi oppure anni, se è il Ministero della Sanità ecco che il Consiglio di Stato in 24 ore interviene.

La motivazione del Consiglio è che quella in questione non era una disposizione ma un suggerimento operativo.

Perfetto.

Il conto però non torna considerando che molti dei medici che hanno scelto di non attenersi a quella disposizione e fare il loro lavoro, sono stati richiamati dall’Ordine dei Medici e, sembrerebbe, qualcuno anche sanzionato.

Tutto questo senza dimenticare che sul mancato aggiornamento il Ministero della Sanità mentì, pratica che a questo punto sembra sia diventata un’abitudine di questa istituzione.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.