Negli USA riconosciuta l’immunità naturale per i guariti

La testata giornalistica The Hill che ha sede a Washington DC negli Stati Uniti d’America, ha pubblicato nei giorni scorsi un articolo in cui segnala che il CDC , il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, si è espresso sull’immunità naturale per le persone guarite dal Covid 19, invitando i legislatori a fare tesoro dei nuovi dati.

Ecco la traduzione dell’articolo (Google Translator):

Ora ci sono più di 65 milioni di persone che si sono riprese da COVID-19 negli Stati Uniti. Mentre la vaccinazione per COVID-19 è stata di fondamentale importanza per proteggerci da malattie gravi, ricoveri e decessi, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi stanno finalmente riconoscendo la forte protezione fornita dall’immunità dopo un’infezione da SARS-CoV-2: la cosiddetta “immunità naturale”.

Nel rapporto del CDC, che ha analizzato i casi di COVID-19 in California e New York nel 2021 dal 30 maggio al 20 novembre, gli scienziati hanno confrontato il rischio di una nuova infezione da SARS-CoV-2 tra quattro gruppi di persone: coloro che non erano stati vaccinati senza un precedente caso di COVID-19; quelli vaccinati senza precedente COVID-19; quelli non vaccinati con precedente COVID-19 e quelli vaccinati con precedente COVID-19.

Gli autori spiegano che prima dell’emergere della variante delta di SARS-CoV-2, la vaccinazione recente era più protettiva contro le nuove infezioni rispetto all’immunità naturale (in California a giugno, ad esempio, 20,9 volte contro 8,2 volte). Tuttavia, dopo che il delta è diventato prevalente, l’immunità naturale è stata più protettiva contro le infezioni rispetto alla vaccinazione (in California a settembre, 8,3 volte contro 35,0 volte).

Durante l’ondata delta del COVID-19, l’incidenza dell’infezione da SARS-CoV-2 tra coloro con un’immunità “potenziata” dovuta sia alla vaccinazione che a una precedente infezione, era 32,5 volte inferiore in California e 19,8 volte inferiore a New York, mentre i tassi tra quelli vaccinati da soli (senza precedente COVID-19) erano solo 6,2 volte inferiori in California e 4,5 volte inferiori a New York. I tassi tra quelli con immunità naturale erano 29,0 volte inferiori in California e 14,7 volte inferiori a New York. Gli autori osservano che i tassi di ospedalizzazione hanno seguito un modello simile.

Il rapporto riconosce finalmente ciò che molti sospettavano da molto tempo: che la sopravvivenza al COVID-19 fornisce un’eccellente immunità naturale non solo all’infezione ripetuta, ma anche al ricovero e alla morte per la variante delta di COVID-19.

Il modello di migliore protezione dopo l’infezione naturale ha senso. Lo ha sempre fatto. Ecco come funziona l’immunità contro le infezioni. Ecco perché i vaccini funzionano. I vaccini COVID-19 sono stati sviluppati per imitare un’infezione naturale basata sul virus originale identificato nel 2019, quello che i biologi chiamano il ceppo “wildtype” di SARS-CoV-2. I vaccini, in particolare i più comuni a base di mRNA, utilizzano la proteina spike di SARS-CoV-2, la proteina che funge da chiave per entrare nelle cellule e causare infezioni. Bloccando quell’ingresso con anticorpi indotti dal vaccino, l’infezione viene prevenuta.

Al contrario, durante un’infezione naturale, il corpo umano è esposto a tutte le parti del virus, inclusa la proteina spike. Quando il sistema immunitario risponde per consentire il recupero dall’infezione, è più ampio e diversificato, con una maggiore capacità di difendersi da eventuali future varianti del virus SARS-CoV-2. Pertanto, mentre le mutazioni si formano naturalmente nella proteina spike SARS-CoV-2 attraverso il processo di evoluzione virale, l’approccio mirato basato sul vaccino per attaccare la proteina spike, sebbene sia ancora efficace, non è robusto come l’armamentarium creato dalla sopravvivenza a un vero infezione e più efficace in combinazione con la vaccinazione.

Ciò che è chiaro dal nuovo rapporto CDC su tutti i periodi è questo: il peggior gruppo in cui trovarsi è il gruppo non vaccinato senza precedente COVID-19. Quel gruppo ha maggiori probabilità di essere infettato e, se è anche a rischio di malattie gravi – anziani di 65 anni, obesi, malati cronici o immunocompromessi – ha maggiori probabilità di morire a causa di un’infezione. Pertanto, se fai parte di questo gruppo, vaccinati!

La vaccinazione è superiore all’infezione naturale perché i rischi di morte o di sintomi gravi a lungo termine sono astronomicamente inferiori. Una limitazione dello studio CDC era che dobbiamo attendere nuovi dati e ricerche per vedere se ci sono differenze nell’immunità dovute alla vaccinazione o a precedenti infezioni durante questo periodo attuale della variante altamente infettiva dell’omicron di SARS-CoV-2. Abbiamo osservato che i vaccinati, sebbene non protetti dalle infezioni, hanno molte meno probabilità di essere ricoverati in ospedale. Allo stesso modo, coloro che hanno avuto una precedente infezione e rimangono non vaccinati sono anche altamente protetti contro una grave malattia dell’omicron.

Dato che ora il CDC riconosce l’effetto protettivo dell’infezione precedente, è tempo di aggiornare le politiche di vaccinazione e i requisiti per l’accesso a scuola o al lavoro nei governi federali e statali o di contea. Quelli con immunità naturale dovrebbero avere lo stesso status di quelli vaccinati. Dimostrare una precedente infezione non è più difficile che dimostrare la vaccinazione. Molti paesi europei riconoscono che l’immunità dovuta a una precedente infezione è uguale alla vaccinazione.

Non esentare quelli con una precedente infezione era sempre ingiusto; ora è anche non scientifico.

Jeffrey Klausner, MD, MPH, è un professore clinico di medicina, popolazione e scienze della salute pubblica presso la Keck School of Medicine della University of Southern California. 

https://thehill.com/opinion/healthcare/592457-the-cdc-is-finally-recognizing-natural-immunity-legislators-should-follow



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.