Bom de de bom bom: il samba genovese

A ogni inizio d’anno mi imbatto in una canzone che riesce sempre a farmi sorridere, è “Bom de de bom bom” di Augusto Martelli, un samba che può fare invidia a certe composizioni di Sergio Mendes e con una particolarità: quello che sembra un cantato brasiliano è in realtà… dialetto genovese.

Il testo dice più o meno così:

Chi no gh’a e ae e o çerca de xeuà
Chi no l’a e euve o veu fa na frità
Chi no l’a voxe o l’a quae de cantà
O peu sta a casa e no angoscià
Son sensa palanche me piaxe a fainà
Son staeto a Bargaggi a çercane un bancà
Me piaxe o zunzuro ma no pe sonnà
Ma a mae fortunn-a a l’è cantà
Chi gh’a a galante ch’a l’e za maià
Chi gh’a l’atlante e o veu navegà
Chi g’h’a in vestì con na scarpa sguarà
O peu sta a casa e no angoscià
Son sensa crovatta e gh’o a maggia ****** (brusà?)
A barca a fa aegoa e mi no so neuà
Imparo o zunzuro e me metto a sonnà
Ma a mae fortunn-a a l’e cantà

Che tradotto significa più o meno:

Chi non ha ali e vuole volare
chi non ha uova e vuol fare una frittata
chi non ha voce ed è qui a cantare
dovrebbe stare a casa e non angosciare
Sono senza soldi e mi piace la farinata
Sono stato a Bargagli a cercarne un bancale
Mi piace il violoncello ma non lo so suonare
Ma la mia fortuna è cantare
(Bom de de bom bom)
Chi ha la fidanzata che è già sposata
Chi ha l’atlante e vuole navigare
Chi ha il vestito con una scarpa rotta
dovrebbe stare a casa e non angosciare
Sono senza cravatta e ho la maglia **** (bruciata? (incomprensibile))
La barca fa acqua e non so nuotare
Imparo il violoncello e mi metto a suonare
Ma la mia fortuna è cantare.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *